KITSCH BEACH – la classe non è acqua di mare

Sulla spiaggia arrivano caterve di bagnanti, talmente tanti che l’effetto gentaglia è assicurato a prescindere. In un giorno solo, ecco riunite tutte le cose che più mi disgustano: zanzare, karaoke, selfie, griffe a vista su abbigliamento e accessori, espressioni come: un attimino, amo’, cara, bella, teso’. Ma ben mi sta. È colpa mia se scelgo ogni anno spiagge in cui l’unica bellezza è la straordinaria varietà del brutto: uno spettacolo che non cessa di stupire, e che ovviamente ignora migliorie. Visto da lontano, il litorale ha una bellezza tropicale. Ma se ti stendi a pancia in sotto sulla sabbia e guardi in prospettiva la distesa degli ombrelloni, ti sembra di scrutare la misteriosa esistenza di cavallette, lucertole, scarafaggi, formiche e altre creature non meglio identificate. Qui, le regole contro natura del vivere comune vengono abolite dagli ancestrali diktat del branco. Capisci allora quanto impari sia la lotta tra natura e cultura, e quanto quest’ultima sia destinata a soccombere.
Presenti in ordine sparso:
-un ventenne in costumino bianco, da cui traspare fallo risicato e puntuto.
-un’adolescente con occhiali da porno-gatta e smalto fucsia sulle unghie, che lecca il gelato palesando una naturale predisposizione alla fellatio.
-una nubile solitaria – 40 anni, bikini tigrato RB, capelli blu, trucco marcato e rossetto spalmato oltre il contorno labbra, scarpino con strass, ipotono muscolare da dimagrimento Duncan – gioca col telefonino. All’improvviso arriva una chiamata: la suoneria è “’O ball’ ro’ cavall’” di Gigione.
-una ragazza con fidanzato siede a gambe aperte, sputando e gracchiando, con frequente ricorso a bestemmie. Il suo nome è Candida: nessuna sorpresa da una che si chiama come la peggiore delle infezioni vaginali.
In fondo alla spiaggia, una giovane festeggia i suoi 18 anni alle 10 del mattino. Gli invitati siedono all’ombra, azzannando portate da matrimonio con una fame da dopoguerra. Tutti presi ad ascoltare l’ospite d’onore, un cantante neo-melodico a torso nudo e in boxer del Napoli, che canta una canzone dal titolo “’Hann’ accis’ ‘o meglio amic’ mio”.

La baia in cui mi trovo è tra le più belle della zona. Come in molti luoghi d’Italia, però, l’importante è guardare sempre avanti, perché se ti volti, ecco albergoni sconclusionati, baracche e depositi, nella sciatteria tipica di abusi e condoni. Qui conta solo la salute, che si cura meglio all’aria aperta. Al Sud c’è una merce che si vende da sola, e che perciò non serve migliorare. Il Sud è un frutto che si mangia con le mani e senza togliere la buccia. I turisti si lamenteranno ogni volta di qualcosa, poi guarderanno il paesaggio e gli passerà.
Chi gestisce il turismo da queste parti è di solito l’abitante del posto che, disponendo di locali propri, ne ha fatto nel tempo abitazioni per turisti, bar e ristoranti, senza però aver maturato né spirito imprenditoriale né alcuna forma di cortesia. Questi paesi devono ringraziare la bellezza del paesaggio e soprattutto del mare, se il turista di anno in anno torna, incurante delle molte cose che non cambiano, se non in peggio.
Già stanca a prima mattina cerco di riposare, ma l’impresa è impossibile. All’equatore dello sgomento, una cosa è chiara: l’uomo inizia dove la folla finisce. La vicinanza tra estranei scatena disagi profondi, a volte progetti esecrabili. La cosa che meglio mi riesce è quindi l’esercizio di una disumanità asciutta e continua, cui gli altri contribuiscono rivelandosi puntualmente per quello che sono. Per vivere vacanze serene, basta di fatto seguire poche, sane regole di asocialità, come chiudere i varchi tra il proprio ombrellone e i lettini, con borse e tutto quanto serve a impedire a mamme e bambini di infilarvisi di continuo come blatte; oppure evitare le amicizie da bagnasciuga, che durano di solito da Natale a S. Stefano. In ogni caso, meglio diffidare subito di quelli che gira e rigira parlano sempre e solo di se stessi, dando per assodato che a chi ascolta possa interessare anche solo in minima parte il racconto gonfiato delle loro vicende.
Quando Noemi è venuta qui la prima volta aveva cinque anni. Oggi, a diciassette, è una ragazza obesa che qualcuno l’anno scorso ebbe la pessima idea di presentarmi. Mi saluta con una stretta di mano più sciatta del suo smalto scrostato, sfarfallando occhi di un verde senza speranza. A caccia sul bagnasciuga, decotti rancidi di maschio lanciano segnali che non accenderebbero nemmeno una ninfomane. Perché questi uomini? Una domanda che presuppone fondamenti speculativi e persino morali, ma la natura, si sa, non è niente di tutto questo.
Casalinghe rapite da letture di bassa cilindrata, adolescenti con depilazioni integrali, discussioni estenuanti su smalti per unghie e custodie per cellulari: mi chiedo quale insulto ipossico abbia causato potature cerebrali così diffuse.
Famiglia dell’agro-sarnese con stereo a palla durante l’ora del riposo, sguaia conversazioni con costante ricorso alle zone genitali di sorelle e madri dell’interlocutore. Tra i precetti zen, quello di “mirare direttamente al cuore delle persone”: direi il modo più efficace per eliminarne molte.
Più a riva, tra le famiglie dell’hinterland abbondano carestie di educazione, di grazia e di buon gusto. Immolati alla demenza di massa, trascorrono il tempo in letture a basso voltaggio, in pasti consumati con fame da dopoguerra, e in giochi pericolosi a danno degli altri bagnanti.
Passeggiata al lungomare: fino a cento anni fa, la più umile delle lavandaie vestiva abiti di una qualità e finezza da ritrovarli oggi nei musei del Costume. Oggi, qualsiasi donna indossa vestiti che nei musei di domani non troveremmo nemmeno nei cassonetti dell’indifferenziato all’ingresso. Ho notato una donna di circa cinquant’anni, che indossava uno short talmente corto da mostrare i glutei, esibendo cosce tali da scoraggiare il più incallito degli erotomani, senza alcuna vergogna né da parte sua né dell’uomo che le era accanto. Individui del genere adorano il brutto, e il brutto sentitamente ricambia.
A fine giornata, sulla spiaggia scorrono i titoli di coda. Portati a riva dalle onde, in ordine di apparizione: un sacchetto nero, un Tampax, una medusa morta, una scorza d’anguria, l’asta di una scopa. Sulla via del ritorno, una donna cammina sul marciapiede, da sola verso la sua auto. Dietro le spalle si è attaccata un foglio con la scritta “Non sono una puttana”.

 

Annunci

3 thoughts on “KITSCH BEACH – la classe non è acqua di mare

  1. Buongiorno Eliana,  grandissima performance….davvero un articolo esilarante, vero e tragico allo stesso tempo. Grazie. Un saluto.  Franco 

    Inviato da smartphone Galaxy S7

  2. Stimatissima amica, Eliana Petrizzi, mi hai piacevolmente divertito, con questo tuo articolo, ricco di ironia e di assoluta verità, ben modellato. Anche se lo hai presentato in veste, direi comica, si evidenza la drammatica sfida tra vizi del mal costume sociale
    fatti assumere da chi strumentalizza la specie umana e la cultura. Purtroppo, all’orizzonte non si scorge alcun buon futuro per noi, esseri umani perché ormai il nero fiume del consumismo, ha invaso ogni canale culturale, preferendo ad esso, l’interesse e l’egoismo di alcuni a danno di tanti. Noi, gente che preferiamo all’inutilità del vivere nell’umana isola “usa e getta”, ci impegniamo a tenere alto il baluardo dei valori umani e di cultura, questi, assolutamente, più consoni all’uomo soggetto e mai, e ancora mai, oggetto. Gli intellettuali, artisti, scrittori e tutti devono essere fieri, dei loro valori e a non farsi evangelizzare dalla mediocrità e dalle ramificate brutture, invece anche se costa tantissimo, occorrono portare avanti i propri credi, che possano filtrare, purificare le vie del sano e del bello. Compiaciuto del tuo bel scrivere, t’abbraccio.

  3. E’ stato molto divertente ma nel contempo molto triste leggerti, Eliana, poiché questa fauna da spiaggia non ci fa una bella figura…

    Avanzando con l’età divento sempre più insofferente e sopporto sempre meno.
    Indi per cui e per quanto sopra (tutto il mondo è paese, e quando hai descritto non succede solo al sud) al mare non vado più da ben 9 anni.
    E al lago, che da me dista un paio di decine di km, ci vado d’inverno.

    Buona domenica
    con un sorriso
    ciao Ondina 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...