Certe donne

a (26)

Abuso dell’immagine femminile, sfruttamento, violenza privata, discriminazione e stalking, sono temi su cui non si può e non si deve smettere di discutere, e che lo si faccia  l’8 marzo poco importa.  Ma per una volta, in questa ricorrenza, vorrei andare controcorrente parlando  di una razza a rischio di estinzione, quella degli uomini, a causa  di un tipo specifico di figura femminile, che ha tracimato ben oltre il buon senso. Sono passati decenni dalle rivolte femministe; la donna ha conquistato autonomia pensante, dignità personale, diritti lavorativi, politici e giuridici; quell’indipendenza culturale ed economica che le ha consentito di uscire da matrimoni sbagliati e di separarsi da compagni violenti. E tuttavia, ecco oggi molte donne incapaci di femminilità, di pazienza, di accoglienza e di ascolto; incapaci di rispetto del proprio corpo, che da custode misterioso della vita è diventato il vessillo di libertà sessuali orripilanti e sguaiate. Continua a leggere

Annunci